L’innesco

A seconda dell’esca reperita ci sono vari modi per presentarla ai predatori che voglimo insidiare. I fattori che dobbiamo tenere presenti studiando un innesco sono molteplici. 1) Mantenere la nostra esca vivaed energica il più a lungo possibile, quindi cerchiamo di non ferirla inutilmente, di usare ami di dimensioni proporzionate alle nostre esche, di toccarle il meno possibile e con le mani bagnate (la temperatura delle nostre mani brucia le esche e porta via il muco protettivo che hanno). 2) Presentarla in maniera più naturale possibile ai predatori 3) Sapere come solitamente attacca un predatore.

Innesco dei cefalopodi:

Con un pò di pratica riusciremo ad innescare un calamaro in meno di 10-15 secondi, io per prima cosa appunto un amo (trainante) sul “cappello” del calamaro dal basso verso l’alto, successivamente prendo il ferrante e faccio scorrere tenendo tra due dita il trainante fino a raggiungere la testa del calamaro e appunto delicatamente l’amo tra i tentacoli sotto il sifone o, a seconda delle dimensioni del calamaro, in alto sopra gli occhi. Visto che è più facile a farsi che a dirsi, vi rimando alle foto e al video.

calamaro_innescovideo2

clicca l’immagine per vedere il video dell’innesco

Innesco delle aguglie

Per innescare bene un’aguglia e mantenerla viva a lungo ci sono molti sistemi, ma la maggior parte di questi finiscono per comprometterne in modo drastico la naturalezza del nuoto, quindi a mio avviso niente fil di ferro ne elastici o diavolerie varie, a seconda della lunghezza dell’animale utilizzeremo 2 o 3 ami. uno trainante molto piccolo, che posizioneremo a chiudere la bocca sul rostro e l’altro o gli altri appuntati leggermente sotto pelle.

aguglia innesc

Innesco del pesce

Un pesce come l’alaccia personalmente lo innesco con 2 ami, il trainante nel “naso” e il ferrante che entra nell’ano del pesce ed esce dopo qualce mm sotto pelle appena dopo. In esche come le salacche, i sugarelli e i cefali, che hanno i fori” nasali” molto marcati, preferisco usare questi per fissare il trainante, facendo così, l’esca, può rimanere viva per ore anche se trainato a velocità un pò più sostenute (molto comodo nella ricciola).

                                    alaccia innescatavideo2

clicca l’immagine per vedere il video dell’innesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *