Come mantenere il vivo

Gioia e dolore per noi trainisti, una volta reperito il vivo, è mantenerlo vivo. Per questo motivo chiunque aderisca alla religione della TCV ha in barca una vasca con il ricircolo forzato dell’acqua.

In questa sezione vi descriverò come costruirvi una vasca e come mantenere il vivo da un giorno all’altro.

Per realizzare una vasca del vivo efficiente, non è necessario spendere un patrimonio e nemmeno rovinare un igloo, si può realizzare con 40€ scarsi. Bisogna anzitutto procurarsi la vasca (non trasparente meglio se bianca) le ceste del pane vanno benissimo oppure provate a fare un giro all’ikea c’è una vasca porta oggetti da 100 litri (quella che uso io) che con il coperchio costa intorno agli 8€ !!! Bisognerà poi acquistare una pompa ad immersione, io utilizzo quella da 360 rpm, qualche boccola in plastica o teflon, qualche snodo e del tubo di gomma da giardino, un paio di rubinettini (Leroy Merlin sezione giardinaggio ) ed armarsi di tanta pazienza….

vasca vivo vasca3_small vasca4 vasca-vivo_small

Per mantenere il vivo dalla notte precedente alla mattina successiva, dopo moltissimi esperimenti e avvilenti decessi, sono arrivato ad una conclusione. Se avete la possibilità di allacciarvi alla corrente dal vostro posto barca vi sarà sufficiente lasciare in funzione le pompa della vasca del vivo, ma dovete utilizzare 2 accortezze, se l”interno della vasca vi sono seppie o calamari, e non volete che si cannibalizzino a vicenda, dovrete mantenere bassa la temperatura della vasca, con una o più bottiglie d’acqua ghiacciate o , come faccio io, con delle buste di gel congelato, quelle per intenderci per il trasporto degli astici. Altra cosa molto importante è sempre lasciare abbondante cibo alle vostre esche. Se non avete la possibilità di attaccarvi alla corrente elettrica c’è un altro sistema, munitevi di una nassa da fiume, la più lunga possibile (a seconda anche della lunghezza della barca, io ne ho una di 5 mt) legatela dalla prua alla poppa della vostra imbarcazione e lasciatela a 1 o 2 mt dal fondo. Attenzione a chiuderla bene, perchè negli ambiti portuali c’è sempre qualche bestiaccia pronta a fare un banchetto con le vostre esce (maledetti gronchi!!!)

nassa fiume

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *