Affondatori idrodinamici SA

Affondatori idrodinamici SA

Affondatori

 

Dopo anni di progettazione, ricerca dei materiali e tante e tante ore in mare a fare test, esce la versione 1.0 dei miei affondatori idrodinamici, dedicati principalmente alla traina ai calamari, ma ideali per la traina costiera per alletterati, tombarelli, palamite, sugarelli. Dato l’affondamento molto particolare li sto personalmente testando anche a traina con il vivo…

Ma quali sono le principali differenze con gli altri affondatori in commercio?

Ho deciso di produrre questi affondatori perché, in commercio non trovavo un prodotto che soddisfacesse a pieno le mie esigenze, o affondavano poco, o male, o erano troppo voluminosi e producevano troppe vibrazioni, o sganciavano male, quindi ho pensato di progettarne uno tutto mio, per mettere alla prova non solo le mie capacità di pescatore, ma anche di sviluppatore. Per prima cosa avrei voluto uno strumento più duraturo, che durasse nel tempo senza rovinarsi, che avesse un affondamento lineare, immediato, che producesse vibrazioni minime, che si potesse trainare a profondità importanti ed a velocità più sostenute e che fosse applicabile sulle lenze con uno sgancio rapido, in maniera da potere arrivare alla preda completamente con la canna, uno dei problemi che volevo risolvere era anche quello che sganciandosi per segnalare l’abboccata non saltasse fuori dall’acqua per non strappare dagli artificiali le prede catturate, ma che rimanesse 50 cm sotto il pelo dell’acqua. La progettazione è durata più di 3 anni, nelle quali sono state fatte innumerevoli prove, forme diverse, materiali diversi, piombature differenti. Finalmente dopo tutto questo tempo credo di aver creato un attrezzo che, seppur non scioccantemente innovativo , soddisfa le esigenze del cliente calamaraio più esigente e spacca cazzi che esista : ME STESSO !!! In sostanza quali sono le differenze con i principali competitors: il sistema di sgancio non necessita di elastici (non si rischia che marciscano ed è più immediato e preciso da settare ), lo sgancio può essere settato per trainare a 4 nodi anche un rapala magnum, l’affondamento è più verticale e si vedono tranquillamente nell’eco, possono essere trainati ed affondare anche a meno di 1 nodo, sono meno voluminosi rispetto a quelli famosi di plastica (circa la metà) e vibrano molto meno , con le ultime modifiche possono essere messi sulle lenze a sgancio rapido in maniera da poter recuperare tutta la lenza con il mulinello fino agli artificiali e possono divergenze con i flap posteriori, con i quali è anche possibile variare l’assetto idrodinamico, qualora si desiderasse una risalita più eclatante, ultimo man non meno importante sono in acciaio inox tagliato al laser da una nota azienda ITALIANA .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *